La Scienza incontra il quotidiano

17 01 2016

     Si tratta di un ciclo di incontri, iniziati nei mesi scorsi, rivolti a tutti e dedicati alla divulgazione e promozione della cultura scientifico-tecnologica. Gli incontri sono stati organizzati dall’I.I.S. “Gobetti Marchesini – Casale” di Torino e hanno lo scopo di presentare la Scienza a studenti e adulti, soprattutto negli aspetti che pervadono la vita quotidiana di ciascuno. Si affrontano temi e scoperte scientifiche che hanno migliorato e stanno migliorando la qualità della vita delle persone e la sicurezza dell’ambiente in cui esse vivono.

     Domani, presso la Biblioteca Calvino di l.go Dora Agrigento 94 a Torino, dalle ore 17,00 alle 18,30, ci sarà il terzo incontro sul tema “Ipotesi chimica sull’origine della vita: dal Big Bang alla comparsa dei primi organismi viventi”, con il Prof. Piero Ugliengo, ordinario di Chimica Fisica presso L’università di Torino.

     I temi dei prossimi incontri sono: “Il miracolo di odori e sapori: proprietà molecolari di fragranze e profumi”; “L’importanza delle plastiche e dei polimeri nella società contemporanea: bio-plastiche o non bio-plastiche, questo è il problema!”

     Per maggiori informazioni, consultare la locandina degli incontri effettuati e di quelli ancora in programma. Crediti logo: I.I.S. Gobetti Marchesini – Casale.




Programma Europeo Horizon 2020 in sintesi

15 01 2016

     Si tratta di un Programma di grande portata, che mette a disposizione dei Paesi dell’Unione finanziamenti per quasi 80 miliardi di euro per il settennio 2014-2020. Un Programma che non si limita all’Europa, è aperto alla partecipazione di ricercatori provenienti da tutto il mondo. I nodi centrali del Programma sono l’eccellenza scientifica, le sfide sociali e l’industria competitiva.

Riporto la sintesi della prima parte riguardante l’eccellenza scientifica, rinviando i lettori più interessati al testo breve in italiano della pubblicazione della UE (Horizon 2020 in breve).

Eccellenza scientifica. Orizzonte 2020 sosterrà la posizione dell’UE come leader mondiale nel campo della scienza, attraendo i migliori cervelli e aiutando i nostri scienziati a collaborare e condividere idee in tutta Europa. Aiuterà le persone di talento e le aziende innovative a migliorare la competitività europea, creando posti di lavoro e contribuendo a uno standard di vita migliore, a vantaggio di tutti.

Ricerca di frontiera finanziata dal Consiglio europeo della ricerca (CER). Alcune delle più significative invenzioni di oggi sono il risultato della nostra naturale curiosità sul modo in cui funziona il mondo. Benché la ricerca spinta dalla curiosità verso i confini della conoscenza sia raramente esplicitamente a sostegno dei prodotti commerciali, le sue scoperte stimolano ugualmente innumerevoli innovazioni. La ricerca di frontiera è però spesso il primo settore a subire tagli in periodi di difficoltà economiche ed è per questo che l’UE, attraverso il CER, sta potenziando il livello di investimento. L’eccellenza è l’unico criterio per ottenere finanziamenti dall’UE, i quali vengono assegnati a singoli ricercatori o a team di ricerca. Finanziamento: 13,095 miliardi di euro

Azioni Marie Sk?odowska-Curie. La formazione e lo sviluppo della carriera aiutano a produrre ricercatori di primo piano. Si offre sostegno a ricercatori giovani ed esperti per migliorare la loro carriera e le loro capacità mediante la formazione o periodi di tirocinio in un altro paese o nel settore privato. Questo permette loro di acquisire nuove conoscenze ed esperienze per raggiungere il loro pieno potenziale. Finanziamento: 6,162 miliardi di euro

Tecnologie future ed emergenti. Stare all’avanguardia delle nuove tecnologie manterrà l’Europa competitiva e creerà nuovi posti di lavoro altamente specializzati e questo significa essere proattivi e pensare avanti rispetto alla massa. I finanziamenti dell’UE stanno contribuendo a rendere l’Europa il migliore ambiente possibile per una cooperazione multidisciplinare responsabile e dinamica sulle tecnologie nuove e future. Finanziamento: 2,696 miliardi di euro

Infrastruttura di livello mondiale. Le attrezzature di ricerca possono essere talmente complesse e costose che nessun team di ricerca singolo – o persino paese – può permettersi di comprarle, costruirle o farle funzionare da solo. Alcuni esempi: i laser ad alta energia usati da varie comunità di ricerca, dalla medicina alle scienze dei materiali e la biochimica, gli aeroplani specializzati ad alta tecnologia o una stazione di monitoraggio in fondo al mare, usata per osservare i cambiamenti climatici.

Queste attrezzature possono costare milioni di euro e hanno bisogno delle competenze dei migliori esperti del mondo. I finanziamenti dell’UE aiutano a mettere insieme le risorse per questi progetti su larga scala e danno ai ricercatori europei l’accesso alle infrastrutture più recenti e all’avanguardia, rendendo possibile una ricerca nuova e stimolante. Finanziamento: 2,488 miliardi di euro”.

Il sommario della pubblicazione sintetica su questo importante programma quadro sulla ricerca e l’innovazione scientifica e tecnologia europea è:

Introduzione; Conoscere Orizzonte 2020; Eccellenza scientifica; Leadership industriale; Sfide per la società; Diffondere l’eccellenza e promuovere la partecipazione; La scienza con e per la società; Azioni di innovazione in Orizzonte 2020; Scienze sociali e umanistiche; Ricerca nucleare per tutti i cittadini; Scienza per le politiche – il ruolo del Centro comune di ricerca (JRC); Come funziona; Chi può partecipare? Tipi di azione; Tassi di finanziamento; Controlli e verifiche; Diritti di accesso; Condividere i risultati tutelando i DPI; Etica e ricerca; Altre fonti di finanziamento tramite Orizzonte 2020; Pensare europeo – e globalmente; Ricerca senza frontiere; Aperti al mondo; Come candidarsi.

Crediti (anche per l’immagine): Portale Europa (http://europa.eu ).




La IUPAC conferma quattro nuovi elementi chimici

5 01 2016

    Pochi giorni fa, il 30 dicembre, la IUPAC   (Unione Internazionale di Chimica Pura e Applicata) in accordo con l’Unione Internazionale di Fisica Pura e Applicata ha convalidato ufficialmente la scoperta di quattro nuovi elementi chimici che completano il settimo periodo del Sistema periodico. I nomi provvisori dei quattro elementi sono: 113 (ununtrium, simbolo Uut), 115 (ununpentium, simbolo Uup), 117 (ununseptium, simbolo Uus) e 118 (ununoctium, simbolo Uuo).

 

 

    

    

     Dietro le scoperte ci sono gruppi di ricercatori giapponesi, russi e statunitensi che (come da prassi) sono stati invitati a suggerire nomi definitivi e rispettivi simboli. Per la prima volta un elemento chimico è stato scoperto in Asia, si tratta dell’ununtrium (numero atomico 113). L’Agenzia americana da cui dipendono gli scopritori dell’ununtrium ha dichiarato che proporrà il nome “japonium”, ma il gruppo di ricerca ha in mente diverse opzioni.

     Secondo le regole della IUPAC, un elemento chimico può avere un nome mitologico, quello di un minerale, di un luogo o di un paese, di una proprietà o di uno scienziato. Dopo la proposta e l’accettazione, “ … i nomi e simboli composti da due lettere saranno oggetto di revisione pubblica, prima che il massimo organo della IUPAC prenda una decisione definitiva sulla loro introduzione nella tavola periodica degli elementi. “

Crediti: Le tableau périodique des éléments n’a plus de trouVideo INAF TV.

 




GiovedìScienza: 30esima edizione

3 01 2016

     Quest’anno la manifestazione scientifica è arrivata alla trentesima edizione e alla storica sede del Teatro Colosseo di Torino se ne sono aggiunte altre tre, tutte di prestigio: l’Aula Magna della Cavallerizza Reale dell’Università di Torino, L’Aula Magna “Giovanni Agnelli” del Politecnico di Torino e il Palazzetto dello Sport (PalaRuffini), sempre a Torino.

     Le conferenze già effettuate (Un secolo di relatività; Quale futuro per gli oceani; Quanta vita in più dai trapianti di fegato) sono disponibili in video sul sito di GiovedìScienza.

Le prossime manifestazioni/conferenze sono:

- Teatro Colosseo, CONFERENZA/SPETTACOLO, GIOVEDÌ 14 GENNAIO 2016
SULLA NATURA DELLE COSE: DA LUCREZIO AL CERN
Atomi, energia, buchi neri e scienza moderna in un poema antico e attualissimo
PIERGIORGIO ODIFREDDI, matematico e scrittore.
Letture a cura di Irene Ivaldi e musiche a cura di Lamberto Curtoni.

- Teatro Colosseo, GIOVEDÌ 21 GENNAIO 2016
PROGETTARE FARMACI AL COMPUTER
Una tecnica innovativa che sta diventando realtà
ALBERTO MASSAROTTI, Università del Piemonte Orientale.
Premio GiovedìScienza quarta edizione.

- Università di Torino, Aula Magna Cavallerizza, GIOVEDÌ 28 GENNAIO 2016
A CACCIA DI ANTIMATERIA
Dentro un enigma del Big Bang, ROBERTO BATTISTON. Università di Trento e Presidente dell’ASI, Agenzia Spaziale Italiana.

- Teatro Colosseo, GIOVEDÌ 4 FEBBRAIO 2016 COME IL CERVELLO RISOLVE I PROBLEMI I segreti sono complessità vicarianza, ALAIN BERTHOZ, Professore di Fisiologia della percezione, Collège de France, in collaborazione con l’Ambasciata di Francia in Italia.

- Politecnico di Torino, Aula Magna “G. Agnelli”, GIOVEDÌ 11 FEBBRAIO 2016
DIAMOCI UNA MANO, AMICO ROBOT
Quando le macchine aiuteranno i fisioterapisti. PAOLO ARIANO, Istituto Italiano di Tecnologia IIT.

- Teatro Colosseo, GIOVEDÌ 18 FEBBRAIO 2016
MATEMATICA: ESSERE CURIOSI E SENZA PAURA
Se la conosci ti fa capire come funziona il mondo, GIOVANNI FILOCAMO, Matematico, Premio Peano Junior, in collaborazione con l’Associazione Subalpina Mathesis.

- Teatro Colosseo, GIOVEDÌ 25 FEBBRAIO 2016
UNO SCUDO PER LA SALUTE
Immunità, vaccini e microbioma, ALBERTO MANTOVANI, Humanitas University, Istituto Clinico Humanitas.

- Politecnico di Torino, Aula Magna “G. Agnelli”, GIOVEDÌ 10 MARZO 2016
CAVALCANDO UNA COMETA
Per capire com’è nato il Sistema solare, AMALIA ERCOLI FINZI, dipartimento di scienze e tecnologie aerospaziali del Politecnico di Milano; MARIA ANTONIETTA PERINO, Thales Alenia Space e International Space University (M.I.T. Boston). In collaborazione con Thales Alenia Space.

- Università di Torino – Aula Magna della Cavallerizza Reale, GIOVEDÌ 17 MARZO 2016
VIAGGIO NELLA MENTE
Dove si nascondono, il genio, l’amore e la libertà, PIERO ANGELA, giornalista e scrittore.

- Palazzetto dello Sport Parco Ruffino a Torino. Speciale Scuole. Mercoledì 17 Febbraio 2016. Classi III, IV e V della Scuola Primaria. Il CERVELLO E’ UNO SPORTIVO!
Federico Luzzati, Dipartimento di Scienze della Vita e Biologia dei Sistemi Università di Torino e NICO Neuroscience Institute Cavalieri Ottolenghi; Mauro Banfi, fisioterapista e osteopata; Andrea de Beni, atleta disabile. In collaborazione con ITER Città di Torino e Torino2015 Capitale Europea dello Sport.

- Teatro Colosseo, VENERDÌ 12 FEBBRAIO 2016 h 10.00. Scuola secondaria di secondo grado.
MUSEO EGIZIO, UNA CIVILTÀ DIVENTA RACCONTO
Come mettere in scena il mondo dei faraoni. Christian Greco, Direttore della Fondazione Museo delle Antichità Egizie di Torino.

Per ogni altro riferimento e per scaricare l’opuscolo completo: GiovedìScienza.

Crediti immagine Mind-reading machine: www.telegraph.co.uk .