Da “la chimica in versi” di Alberto Cavaliere

20 06 2010

chimica_versi_1928Un altro anno scolastico è terminato ma alcuni sono ancora impegnati con i debiti o con l’esame di maturità. A tutti  dico di impegnarsi, come è giusto, ma di pensare anche che nelle prime settimane di luglio almeno per la maturità l’ansia passerà e ci sarà solo l’aria libera, come scrive Alberto Cavaliere (1897-1967) che  si laureò in Chimica presso l’ università di Roma. Dopo essersi  traferito  a Milano,  esercitò per un breve periodo la professione di chimico, poi l’abbandonò per dedicarsi alla satira in versi ed al giornalismo. Questo è il suo libro che ha avuto maggior successo e si può ancora oggi  trovare in alcune librerie.

Copertina di un’edizione del 1928

 

 

Da giovane studente, alunno d’istituto,

non andai mai d’accordo col piombo o col bismuto;

anche il vitale ossigeno mi soffocava; il sodio,

per un destino amaro, sempre rimò con odio;

m’asfissiò forte a scuola, prima che, in guerra, il cloro;

forse perfino, in chimica, m’infastidiva l’oro.

E di tutta la serie sì numerosa e varia

di corpi e d’elementi, sol mi garbava l’aria,

quella dei campi, libera, nel bel mese di luglio:

finché non m’insegnarono che anch’essa era un miscuglio!

Un vecchio professore barbuto, sul cui viso

crostaceo non passava mai l’ombra d’un sorriso,

un redivivo Faust, voleva ad ogni costosa

per da me la formula d’un celebre composto.

Non sapevo altre formule che questa: H2O;

e questa dissi: il bruto, senz’altro, mi bocciò.

Poi ch’era ancor più arida nella calura estiva,

io m’ingegnai di rendere la chimica più viva;
onde, tradotta in versi, l’imparai tutta a mente,

e in versi, nell’ottobre, risposi a quel sapiente.

Accadde un gran miracolo: quell’anima maniaca,

che non vedeva nulla più in là dell’ammoniaca,

dell’acido solforico, del piombo e del cianuro,

rise, una volta tanto, e m’approvò: lo giuro!

Mi lusingò quel fatto: volevo far l’artista,

e invece, senz’accorgermi, divenni un alchimista…

Oggi distillo e taccio in un laboratorio,

dove la vita ha tutto l’aspetto d’un mortorio.

E vedo, in fondo, dato che non conosco l’oro,

dato che ancor mi soffoca, sempre accanito, il cloro,

che non avevo torto, e il mio pensier non varia:

la miglior cosa, amici, è l’aria, l’aria, l’aria!…

(Dalla Prefazione alla chimica inorganica)

Per ulteriori notizie: http://it.wikipedia.org/wiki/Alberto_Cavaliere

 




Scienze della materia: programma svolto nel biennio

17 06 2010

chimica fisicaIn prima

La misura e gli errori. Le grandezze fisiche. La misura di lunghezze, aree e volumi. La misura della massa. La densità. L’incertezza di una misura. La misura del tempo. Gli strumenti di misura e le loro caratteristiche. Laboratorio.

La rappresentazione di dati e fenomeni. I grafici cartesiani. Le grandezze direttamente proporzionali. La proporzionalità inversa. Le rappresentazioni di un fenomeno. Altre relazioni matematiche.

Le forze. Forze e unità di misura. Gli allungamenti elastici. Le operazioni sulle forze. Le componenti di una forza. Laboratorio.

L’equilibrio dei fluidi. La pressione. La pressione dei liquidi. Il principio di Pascal. I vasi comunicanti. La pressione atmosferica. I misuratori di pressione. La spinta di Archimede. Collegamenti con la tecnologia: sommergibili, navi, aerostati. Laboratorio.

Temperatura e calore. La misura della temperatura. La dilatazione termica. La legge di Boyle. L’effetto della temperatura sui gas. La legge fondamentale della termologia. L’equilibrio termico. I cambiamenti di stato. La propagazione del calore. Laboratorio.

Miscugli e soluzioni, composti ed elementi. I miscugli. La separazione di un miscuglio. Le soluzioni. Collegamento con tecnologia: l’inquinamento dell’aria, l’acqua potabile. Le sostanze pure: composti ed elementi. Laboratorio.

Reazioni ed equazioni chimiche. Le reazioni chimiche. La legge di Lavoisier. Le leggi di Proust e di Dalton. La teoria atomica. Formule ed equazioni chimiche. Bilanciamento di equazioni chimiche. 

In seconda

Reazioni ed equazioni chimiche. Le reazioni chimiche. La legge di Lavoisier. Le leggi di Proust e di Dalton. La teoria atomica. Formule ed equazioni chimiche. Bilanciamento di equazioni chimiche. Laboratorio.

Nomenclatura e classificazione dei composti. Nomenclatura dei composti binari (IUPAC). Acidi e basi. Il pH del corpo umano. I sali. Cenni sui composti organici.

La quantità di sostanza. La massa degli atomi e delle molecole. La mole. Concentrazione molare e volume molare. Calcoli con le equazioni chimiche. Laboratorio.

Il moto dei corpi. Il movimento. La velocità. L’accelerazione. Il moto rettilineo uniforme. Il moto rettilineo uniformemente accelerato. Cenni sul moto circolare uniforme e sul moto parabolico.

Le forze e il movimento. L’attrito dinamico. Il primo principio della dinamica. Il secondo principio della dinamica. Il terzo principio della dinamica. Il moto oscillatorio del pendolo. La forza gravitazionale. Laboratorio.

Il lavoro e l’energia meccanica. Il lavoro di una forza. La potenza. L’energia cinetica. L’energia potenziale gravitazionale. Cenni sull’energia meccanica e sul trasferimento di energia.

Il lavoro e l’energia termica.  La teoria cinetica dei gas. Le trasformazioni termodinamiche. Il lavoro in una trasformazione termodinamica. Il primo principio della termodinamica. Il rendimento delle macchine termiche. Le macchine termiche. Il secondo principio della termodinamica (cenni).

Fenomeni elettrostatici. Le cariche elettriche. La legge di Coulomb. Il campo elettrico. La differenza di potenziale.

Struttura atomica e tavola periodica. La struttura degli atomi. La struttura elettronica. La classificazione di Mendeleev. La tavola periodica. La regola dell’ottetto.

I legami chimici. I legami tra gli atomi. Il legame covalente. Legame ionico e legame metallico. I legami tra le molecole.

Movimento di ioni ed elettroni. Dissociazione e ionizzazione. Soluzioni acide e soluzioni basiche. Neutralizzazione di acidi e basi. Le reazioni di ossidoriduzione. Cenni sulla corrente nei liquidi. Laboratorio.

Energia e velocità delle reazioni. Gli scambi di energia nelle reazioni. La velocità delle reazioni chimiche. I catalizzatori. L’equilibrio chimico




Come risparmiare energia

8 06 2010

come risparmiare energia01Una guida pratica con informazioni, consigli e indirizzi vari di aziende del settore energetico. Da leggere! Si tratta di una lodevole iniziativa intrapresa lo scorso anno dalla Regione Piemonte (Giunta Bresso) per aiutare i cittadini a risparmiare energia. L’iniziativa si ò concretizzata quest’anno con la pubblicazione dell’opuscolo e la sua diffusione capillare a tutte le famiglie insieme agli elenchi telefonici delle “pagine bianche”.

La giuda contiene notizie e informazioni sulle fonti di energia rinnovabili, in particolare il fotovoltaico, i pannelli solari termici, l’eolico, l’idroelettrico, il geotermico e le biomasse. Per ciascuna di queste fonti viene spiegato di cosa si tratta, come funziona, quali sono i vantaggi, quali le condizioni per potervi accedere, e ci sono esempi di strutture già realizzate.

Un secondo capitolo è dedicato al risparmio energetico, come si realizza, la normativa di riferimento e la possibilità di ottenere sgravi fiscali e/o finanziamenti agevolati. Vengono presi in esame:

  • Gli edifici di nuova costruzione e quelli vecchi con necessità di riqualificazione energetica.
  • La certificazione energetica degli edifici, diventata effettiva in Piemonte dal 1° ottobre 2009. Nella certificazione bisogna definire quanto è il fabbisogno energetico dell’edificio ed è finalizzata al raggiungimento degli obiettivi fissati dall’Unione Europea per il 2020: riduzione del 20% dei consumi energetici, del 20% dell’emissione di gas serra (metano, CH4; ossidi di azoto, NOx; e soprattutto diossido di carbonio, CO2). Questa certificazione è necessaria quando bisogna vendere o acquistare o affittare un edificio o un alloggio, oppure se si vogliono ottenere incentivi e sgravi fiscali. Per altre informazioni si può chiamare il numero verde della Regione: 800333444 oppure visitare il sito http://www.800333444.it .
  • I sistemi energetici sono le soluzioni tecniche da adottare per un determinato edificio a seconda della zona in cui è ubicato e della sua esposizione.
  • Gli impianti termici e la loro manutenzione.
  • Il teleriscaldamento e il suo funzionamento, con riferimento anche alla centrale di Torino Nord in costruzione.
  • La coibentazione di tetti e sottotetti, l’isolamento delle murature e dei serramenti esterni.
  • Le caratteristiche e il funzionamento delle lampadine fluorescenti.
  • Gli elettrodomestici ad alta efficienza.
  • Le caratteristiche e il funzionamento delle valvole termostatiche da installare sui radiatori.

La terza ed ultima sezione è riferita agli aspetti industriali, artigianali e commerciali, con molte centinaia di indirizzi e numeri utili.

Ulteriori notizie sono contenute naturalmente nella guida o all’indirizzo http://www.regione.piemonte.it/energia